Blog

Procrastination domino rally

Procrastination domino rally

Tutti i nostri impegni sono legati tra loro. Dal più importante, al meno urgente, sono indissolubilmente collegati. Il collegamento siamo noi ed è per questo che dobbiamo gestirli tutti.

Non gestire un impegno produce un effetto a catena come nelle tessere del domino rally. Nonostante questa sia un’idea da capogiro immediato o da attacco di panico istantaneo, a seconda dalla predisposizione individuale, possiamo rassegnarci perché è vera.

Alan Turing scrisse, in un saggio del 1950, che “lo spostamento di un singolo elettrone per un miliardesimo di centimetro, a un momento dato, potrebbe significare la differenza tra due avvenimenti molto diversi, come l’uccisione di un uomo un anno dopo, a causa di una valanga, o la sua salvezza”.

Se questo è vero figuriamoci cosa può succedere se rimandiamo il pagamento di una bolletta. Forse non genererà una valanga ma potrebbero staccarci il telefono e noi saremmo costretti a pagare di corsa, fare un fax o una raccomandata, per poi passare ore con un operatore call center pregandolo di riattivare il servizio sospeso. Insomma una dispersione di tempo incalcolabile in grado di produrre ritardi a catena, generare caos organizzativo che potrebbe metterci in condizioni di emergenza dalle quali è difficile uscire.

Rimandare può produrre questo. Come nel big domino rally dove la caduta di una tessera può buttare giù a catena tutte le altre, così i nostri impegni procrastinati produrranno un ritardo su tutti gli altri.

Adesso immaginate cosa può produrre, nel contesto lavorativo, rimandare un impegno: procrastination domino rally! Da capogiro.

Ci sono 4 commenti:

  1. MdS

    Gabriele, con la stessa immediatezza ti ringrazio per il tuo commento. Un’artista statunitense, Ellen DeGeneres ha fatto uno spettacolo sulla procrastinazione che si chiude con questa frase: “Procrastination is not the problem, is the solution”.
    Ma il suo è solo uno spettacolo comico perché procrastinare, oltre a non essere una soluzione, crea nuovi problemi. La tentazione di rimandare gli impegni c’è sempre e nasconde il desiderio che le cose si risolvano da sole. A volte succede, ma è solo un caso.

  2. Gabriele

    Stavo per cascarci di nuovo! Dopo aver letto il post mi sono detto: “Quanto è vero! Adesso ci rifletto un po’ e poi mando un feedback a Marco”. Poi mi sono reso conto che procrastinare un feedback sulla procrastinazione degli impegni sarebbe stato paradossale e avrebbe sancito ufficialmente che proprio non avevo compreso il messaggio. Allora eccoti qua il mio feedback immediato: “Grazie per questa riflessione, ne avevo bisogno anche se non me ne rendevo conto.”

  3. Bel tema, la procrastinazione.
    Un mio allievo, un giorno, mi ha mostrato la foto di una maglietta con la scritta PROCRASTINATOR, LEADER OF TOMORROW
    L’ho trovata geniale.
    Grazie Marco.

    • MdS

      Luca,
      grazie della segnalazione sulla maglietta. L’idea è geniale e ha avuto successo: è possibile acquistare la t-shirt su vari siti internet. Ho pensato che sarebbe divertente indossarla in un corso sul time management.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.